Si sta ripetendo il “miracolo” avvenuto durante i lavori di restauro dell’ “Oratorio di San Rocco” che ha riportato alla luce vecchi affreschi nascosti sotto l’ intonaco.

Ebbene, anche il “San Michele” ci sta riservando queste sorprese. Facciata della chiesa

Molti Crespinesi erano già  a conoscenza di una raffigurazione di San Michele all’ interno di quello che per tutti era il vecchio teatro, ma sorpresa, questo non è il solo affresco presente nel complesso.

Intanto è bene precisare che anche la parte conosciuta come teatro era, anticamente, parte integrante della chiesa (oltretutto è qui che si trovava l’ altare maggiore) così come la prima parte dell’ edificio dell’ Asilo Infantile che a sua volta era corredato di altare.                   

VEDI PIANTA in dettaglio

In queste porzioni di fabbricato sono stati ritrovati affreschi e decori la cui esistenza era sconosciuta.

La figura del San Michele, menzionata sopra, presenta ai lati altre due fugure che rappresentano i Santi Giovanni Battista a sinistra e Santo Stefano a destra.     

VEDI IMMAGINE in dettaglio

La Chiesa, riconosciuta da tutti in quanto tale, con anonime pareti intonacate e dipinte di un giallo sbiadito, si sta mostrando in tutta la sua bellezza di un tempo.   

VEDI IMMAGINE in dettaglio

Anche una porzione della parte destra del fabbricato, ritenuta fino ad ora facente parte dell’ Asilo Infantile, si è rivelata come struttura facente parte del complesso ecclesiastico come Cappella dedicata a San Ranieri.

Anche qui sono presenti affreschi e decori che stanno venendo alla luce.  

VEDI IMMAGINE in dettaglio

I lavori di indagine che l’ Amministrazione Comunale ha commissionato ad una ditta specializzata, sotto la supervisione della Intendenza delle Belle Arti della Provincia di Pisa e finanziati dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISA, stanno procedendo alacremente e certamente riserveranno nuove sorprese.